Mercoledì 19 Settembre 2018 - Ore 12:53

Bdsm

Rapporto tra schiava e Master

  • Data 07/03/2012 - Visite: 6326

Prendo a prestito dall'aeronautica questo termine che correntemente indica il punto dal quale non è più possibile tornare da dove si era decollati. In volo ciò accade quando si è già consumata la prima metà del carburante. In un “rapporto BDSM” tra una schiava e un Master accade quando la schiava, magari solo per un attimo, spera di poter uscirne illesa (fisicamente e psicologicamente) dalla sessione educativa. E' una sensazione devastante quanto eccitante. Rapporto tra schiava e MasterIn realtà è solo una proiezione di ciò che potrà accederle, poiché il limite è stato valicato, ma non in modo irreversibile. Attenzione: in pochi secondi un Master può giocarsi la faccia... e la schiava! Dopo un periodo variabile da soggetto a soggetto, la schiava prende familiarità con quanto il Master propone a ogni sessione; è un po’ come l'assuefazione da un farmaco: o aumenti la dose o cambi cura. Alcune schiave si convincono di essere giunte al top, o al limite che la quotidianità - quella che è lì fuori della stanza, pronta ad accoglierla all'uscita - le impone. Spesso il corpo che tra quelle quattro mura è solo del suo Master, nella quotidianità è di un altro; o, più semplicemente, di quel corpo deve renderne conto. Immaginiamo la schiava che frequenti una piscina, le sue amiche certo saranno curiose di conoscere la causa di quei lividi o della sua completa epilazione... vincoli di relazione o cautele fisiche, fobie insuperabili o semplici principi morali: per ogni schiava esistono dei limiti che lei sola conosce. A volte li partecipa al Master, ponendo dei paletti alle performances. Altre volte è solo la sensibilità di lui a scorgerli tra le pieghe di una gelosa difesa dell'intimità psicologica. Rispettare questi limiti, dichiarati o percepiti, è deleterio per il rapporto schiava/Master, almeno per due motivi. Il primo è che per definizione la schiava non può decidere nulla, e a maggior ragione i limiti all'uso che il Master vuol fare di lei. Il secondo, più

pratico, è che seduta dopo seduta la cosa diventa, se non monotona, per lo meno "déjà vu". Dunque, la schiava non deve sentirsi sicura, neppure delle promesse estorte al Master magari salendo le scale, prima di entrare nella stanza. Solo così potrà sentirsi ancora schiava, nel senso più completo e più vero della parola, anziché giocare un ruolo. Il punto di non ritorno è più facile superarlo nella fisicità di una sessione, ed è alla portata di tutti i Master. Si tratta di portare la schiava appena sotto i limiti in qualche modo in precedenza pattuiti, di lasciarle qualche secondo di respiro così da indurla a ritenere di essere giunta alla fine della performance; ma poi di continuare, con inaspettata decisione. Le sue reazioni non tarderanno a manifestarsi: da un supplichevole "basta, ti prego", a un “urlo di sgomento”. Importante, a questo punto, che il Master non tradisca alcuna emozione, alcun coinvolgimento per lo smarrimento che ha assalito la schiava: deve continuare, fino a che non vedrà l'odio sostituirsi allo sgomento negli occhi di lei. E dovrà continuare ancora, senza pietà. Quanto tempo dura tutto ciò? Da qualche secondo a qualche minuto: quanto serve alla schiava per annullarsi, nella maniera più letterale, nelle mani del Master. Poi, quando lui desisterà, la assalirà il piacere - sempre che non l'abbia raggiunto prima - sfogando la tensione a volte in un pianto, altre in convulsioni di tutto il corpo. Importante, a questo punto, un atto di amore da parte del Master. Sì, avete letto bene: ho detto amore. Un bacio, una carezza, un gesto che sia l'opposto di quanto accadeva qualche secondo prima. Una espansività comunque contenuta ad alcuni secondi, ma non per questo meno intensa. Più difficile e pericoloso superare il punto di non ritorno in

una sessione di sole umiliazioni, ma sicuramente molto più appagante. Non essendo alla portata di tutti i Master preferisco non parlarne qui, certo che l'emulazione senza un’opportuna sensibilità e autocontrollo siano ulteriori elementi di rischio.


Autore: Bdsmers.net

Fonte url: https://www.bdsmers.net/bdsm/view/40-Rapporto-tra-schiava-e-Master/