Domenica 18 Novembre 2018 - Ore 05:49

Bdsm

Gli slave nel BDSM e l’origine del termine

  • Data 20/02/2012 - Visite: 7399

DEFINIZIONE DI SLAVE

La parola slave significa “schiavo”, ed è fra le più utilizzate nel BDSM, la si usa per identificare le persone che sono in condizione di “sottomissione”. In Italia molto spesso si fa uso improprio del termine slave attribuendolo a chiunque sia sottomesso, ignorando altri termini intermedi ad esempio come, “sub e bottom”. Slave BDSMVolendo precisare con fedeltà il termine, essere slave corrisponde alla forma estrema di sottomissione e consiste nel donare totalmente se stessi al soggetto Dominante, rinunciando a qualunque forma di parità, in particolare fa parte di un rapporto di sottomissione continuo, spesso (24/7) o comunque prolungato nel tempo e finalizzato allo studio e alla comprensione di molti aspetti. Il soggetto sottomesso è consapevole di appartenere al Dom, a condizione che il tutto avvenga sempre nell'ambito di rapporti impostati su SSC o RACK e che tale "appartenenza", anche alla presenza di un contratto BDSM stipulato tra le parti, non ha nessun valore legale. Nel rapporto continuo, il Padrone, la Padrona, chiunque sia il Dominante, svolge un vero e proprio percorso di addestramento nei confronti dei propri sottomessi, che devono imparare e comprendere le nozioni imposte, per poi soddisfare al meglio la volontà e le esigenze del Dom. L'addestramento impartito varia di caso in caso, a volte questo può comportare modifiche all'aspetto fisico ed estetico, delle posture, dell'alimentazione o l'abbigliamento, il Dom al bisogno impartirà le punizioni necessarie al fine di raggiungere lo scopo preposto. In casi particolari l'addestramento può comportare anche una forma di training speciale, in cui il Dominante assegna compiti da svolgere ripetitivamente e in ruoli più specifici.


DEFINIZIONE DI SLAVE

Il termine slave deriva dal latino medievale “slavus”, ed era riferito alle popolazioni slave.
Nel latino classico invece erano usati altri termini come “servus o captivus”, (prigioniero di guerra).
L'uso di considerare slave come sinonimo di schiavo è dovuto alla deportazione di numerose popolazioni slave per opera di Carlo Magno che poi rivendeva come schiavi.
In Europa occidentale gli slavi erano molto diffusi sotto forma di schiavi, e per questo nel tempo, il termine slave ha sostituito nel linguaggio comune il termine captivus, ed è diventato sinonimo di schiavo.
Effettivamente, la definizione esatta di slavus significa “prigioniero di guerra slavo”.


Autore: Bdsmers.net

Fonte url: https://www.bdsmers.net/bdsm/view/47-Gli-slave-nel-BDSM-e-lorigine-del-termine/